Smart working: ecco a voi gli strumenti utili per il lavoro agile


Lo smart working o lavoro agile, come viene giustamente chiamato con la traduzione italiana, si è ormai diffuso in tutta la nostra penisola, dando la possibilità a molti di continuare a lavorare anche in questa situazione d’emergenza. Come abbiamo già visto, lo smart working richiede un diverso mindset da parte dell’azienda e del dipendente e richiede una normativa specifica, ma porta con sé moltissimi benefici per entrambe le parti.

Per attivare le modalità di lavoro smart però è necessario utilizzare anche i giusti strumenti per garantire il naturale svolgimento del lavoro, nelle condizioni più ottimali, senza che diventi pure e semplice telelavoro. Andiamo dunque a vedere quali sono gli strumenti utili per il lavoro agile.

1. Pianificazione del lavoro

L’autonoma del lavoratore è uno dei punti cardini dello smart working, che punta al risultato più che alle ore lavorate. Naturalmente è necessario una pianificazione del lavoro. Ecco perché tra gli strumenti utili per il lavoro agile segnaliamo Toggl, che permette di tracciare il tempo e di generare rapporti sui vari progetti seguiti, ma soprattutto Asana e Trello, due software (disponibili in app e desktop) che permettono di organizzare il lavoro suddividendolo in compiti, task e promemoria.

2. Comunicazione

Ovviamente è fondamentale anche comunicare con i propri colleghi e con il team. Ecco perché a partire dal classico Skype, fino a Slack passando per Zoom, i software di comunicazione e chat sono onnipresenti sul computer di ogni smart worker. Skype lo conosciamo tutti, le altre un po’ meno. Slack permette di creare canali e chat con cui scambiarsi informazioni, documenti e link. Mentre Zoom è un software per videoconferenze molto stabile, veloce e che permette anche la condivisione di schermi in totale sicurezza.

3. Back up, documenti e condivisione

Di altrettanta importanza è l’archiviazione e lo scambio di documenti e file vari. Ecco allora che vengono in soccorso sistemi di cloud come Drive, OneDrive e Dropbox. Da segnalare anche il pacchetto di Microsoft, Teams, che comprende Office e uno spazio di chat e scambio documenti. E app come Evernote con cui scrivere note, condividerle e scansionare documenti da inviare (e si può integrare con Drive).

4. Sicurezza informatica

E per finire non dimentichiamo la sicurezza dei nostri dati, tema attualissimo anche visto i recenti sovraccarichi di internet che hanno aperto delle falle nei sistemi. Per le aziende è fondamentale adottare alcune buone pratiche di cybersecurity, molte delle quali gestibili anche da casa:

  • Utilizzare un dispositivo diverso da quello personale
  • Creare password sicure e univoche per ogni account
  • Attivare antivirus e firewall su ogni dispositivo
  • Attivare delle procedure di Data Loss Prevention e un responsabile per la sicurezza
  • Attivare una virtual private network su ogni dispositivo, fisso o anche mobile, router, e di qualunque marca avendo a disposizione anche VPN per MAC.

Lo smart working continuerà anche dopo la crisi Covid? Molti si augurano di sì, ma di certo avremmo bisogno degli strumenti giusti per affrontare il lavoro agile.

Precedente Coronavirus: App per tracciamento, un pericolo per la nostra libertà
Avanti Prospettive dalla quarantena: il futuro che ci attende