L’opposizione della sinistra alla sinistra


di Ramona Cannea

Che il vento della scissione soffiasse tra le fila del PD era chiaro da tempo. Le voci di chi voleva Renzi in procinto di dire addio al PD si sono rivelate fondate e, dopo la telefonata di ieri a Conte e ai presidenti delle Camere, si prepara a dare l’annuncio ufficiale anche ai media. 

Attese interviste e l’immancabile partecipazione televisiva allo storico Porta a Porta.

Dopo la rassicurazione di una piena fiducia al governo Conte anche da parte dei futuri nuovi gruppi, quello che ci si chiede è: come verranno rassicurati gli elettori? Era davvero indispensabile questa scissione? 

A quanto pare secondo Renzi e i suoi fedeli sì.

Secondo alcuni giornali, la teoria secondo la quale il nuovo gruppo di Renzi possa attirare degli elettori di centro delusi dal centrodestra o M5S potrebbe non sembrare così remota, ma ne siamo certi? 

Oppure gli elettori, stanchi di tutte queste scissioni e litigi interni, non solo svuoteranno le fila del PD, ma eviteranno di riversarsi nell’ennesimo nuovo partito di centrosinistra? 

Siamo davvero sicuri che Renzi possa contare su nuovi elettori?

Ciò che ha mosso l’ex sindaco di Firenze è stata la speranza, appunto, di allargare la maggioranza e creare un partito che potesse rappresentare un diretta opposizione a Salvini. Tuttavia, andando a vedere le prime reazioni degli elettori, il pensiero generale è che questa sia stata l’ultima mossa di un suicida politico, che spera di poter avere l’ultima fetta di potere. 

Potere che con ogni probabilità non arriverà.

Se c’è una cosa di cui ha bisogno la sinistra, sia quella più radicale che quella dell’ala più centrista, è restare unita e fare fronte comune contro l’avanzata della destra populista

E invece no. Eccola, puntuale, l’ennesima giravolta e l’ennesima scissione. E come sempre ci si ritrova a pensare: ma era il caso? 

Se non riuscite a fare fronte comune contro la destra, come sperate di riguadagnare nuovi elettori e riprendere quelli fuggiti, ispirando allo stesso tempo fiducia a quelli che rimangono?

Ed ecco che la sinistra, o quello che ne resta, dimostra nuovamente di saper fare ciò che le riesce meglio: fare opposizione alla sinistra.

Precedente Inter-Udinese: Sensi il risolutore
Avanti "Martin Eden" secondo Pietro Marcello