Cambiamento climatico: perché il summit di New York è necessario


OnuItalia

di Camilla Grasso

New York sta ospitando (dal 20 settembre fino al 23) il tanto atteso summit dell’ONU sul cambiamento climatico con oltre 60 nazioni partecipanti; purtroppo spiccano le assenze di due grandi paesi: Stati Uniti e Brasile. Numerosi, invece, sono i paesi impegnati nel più grande sciopero globale di Fridays for future.

Per farvi capire la portata di tale iniziativa, solo in Italia i cortei organizzati sono circa 150.

Una settimana piena, dal 20 al 27 settembre, in cui i giovani attivisti marceranno per le strade delle città protestando e manifestando il loro disappunto nei confronti dei governi che non sono riusciti – o non si sono impegnati a fondo – a raggiungere gli obiettivi stabiliti durante la Conferenza di Parigi del 2015; obiettivi che erano già discussi nel 1997 con il Protocollo di Kyoto.

Mi sono pertanto chiesta se un’ulteriore conferenza, che abbia come tema il cambiamento climatico fosse utile per sensibilizzare ancora di più i governi per muoverli a incrementare le risorse per affrontare veramente il problema.

A mio parere il summit è assolutamente necessario: ricorda quanto il problema sia grave e serve a mettere ulteriore pressione ai governi dei diversi paesi. Bisogna infatti tenere in considerazione il fatto che dal lontano 1997 sempre più paesi si sono impegnati in questa lotta cercando di ridurre le emissioni.

L’aspetto che mi rende quasi ottimista del futuro del pianeta è la maggior considerazione del problema come un problema globale da parte dell’intera società. Lo possiamo vedere dall’aumento delle manifestazioni, dall’impegno di città e comuni volti all’utilizzo di energie rinnovabili o anche dalla messa al bando di imballaggi di plastica a opera di numerose aziende.

Insomma, anche se a piccoli passi, la speranza è veramente l’ultima a morire, ma tutti nel nostro piccolo dobbiamo contribuire alla salvezza della nostra casa.

Appuntamento allora per il 27 settembre, mi raccomando non mancate.

Precedente "Martin Eden" secondo Pietro Marcello
Avanti Un commento al derby